I vantaggi del bilinguismo (con Carte Tematiche BILINGUE di Halloween)

I vantaggi del Bilinguismo - carte tematiche bilingue di halloween

Secondo un recente episodio di Super Quark, i vantaggi del bilinguismo sono molteplici. “Parlare correttamente due lingue vuol dire essere più efficienti anche in altri processi mentali. In altre parole essere bilingue rafforza lo sviluppo cerebrale”. Così introduce il discorso il mitico Piero Angela e segue poi l’esposizione di tutti i vantaggi che il bilinguismo porta.

In questo articolo riporterò i vantaggi del bilinguismo elencati nell’episodio in questione, ma per ora voglio soffermarmi su una frase in particolare: per far sì che si possano parlare più lingue, usiamo delle aree di controllo all’interno del cervello. Ovviamente chi parla spesso entrambe le lingue, rafforza queste aree. E questo rafforzamento fa sì che il bilingue diventi più performante anche su altre funzioni cognitive, non necessariamente linguistiche” (cit. Jubin Abutalebi). 

Questa affermazione mi ha onestamente messo i brividi. Mio figlio è un mezzosangue (Harry Potter style) che vive in un ambiente anglofono e ho sempre pensato che tramandargli la lingua italiana fosse importante. Per mille e più ragioni tra le quali:

  • tramandare parte della nostra cultura;
  • trasmettere l’amore per il mio paese d’origine;
  • la possibilità di poter comunicare con i suoi parenti italiani;
  • l’apertura di porte in un futuro quando potrà mettere sul suo CV che parla perfettamente due lingue;
  • la capacità di aprirsi mentalmente a più culture con tolleranza e rispetto;
  • e tanto altro ancora.

Per questo motivo ho scritto “giochi per insegnare l’italiano a tuo figlio” e ho creato una serie di carte tematiche da usare per rendere l’apprendimento della lingua minoritaria (nel mio caso l’italiano) un divertimento. Approfondirò meglio questo argomento in fondo al post dove potrai anche scaricare le mie nuove carte tematiche BILINGUE di Halloween! Ma per ora diciamo solo che il fatto che questo potesse dargli vantaggi che non siano strettamente sentimentali o legati alla conoscenza della lingua, mi ha aperto un mondo.

(Se vuoi scaricare subito tutte le Risorse Gratuite della mia Libreria, incluse le nuove Carte Tematiche Bilingue di Halloween compila il form qui sotto o in fondo al post e riceverai immediatamente la password!)

I vantaggi del bilinguismo

Secondo diverse ricerche scientifiche, incluse quelle esposte nell’episodio di Super Quark sopra menzionato, i pro sono potenzialmente illimitati.

Il motivo è semplice. Alcuni dei vantaggi del bilinguismo che vedremo fra poco portano allo sviluppo di alcune capacità, che a loro volta ne portano altre e così via. Si instaura così un meccanismo a catena che solo la pratica costante di entrambe (o più) lingue può potenziare. Che non significa necessariamente parlare perfettamente entrambe le lingue in questione, ma praticarle con costanza senza mescolarle tra di loro!!

Senza contare che, da mamma, ascoltare il mio nanerottolo di due anni che mischia le due lingue è a dir poco esilarante. Ma questa è un’altra storia 🙂

dizionario

Vediamo invece insieme questi vantaggi del bilinguismo:

  1. Aumento della materia grigia visibile da risonanza.

    Nei bambini che iniziamo molto giovani, altrimenti chiamati “bilingue precoci”, la pratica costante di più lingue porta ad un aumento dello sviluppo cerebrale. Ma anche nei “tardivi”, l’uso parallelo di più o più lingue senza mischiarle fra di loro, migliora le capacità neuronali. E pensare che mi sono sempre considerata una stordita! 🙂

  2. Questa crescita cerebrale dà loro la capacità di prendere decisioni più velocemente.

    Che a sua volta cresce e si evolve in quella che noi conosciamo come Problem Solving. Quanti annunci di lavoro hai letto dove il problem solving è una qualità essenziale per ottenere il posto? Io tantissimi. Ma al di là dei vantaggi a livello lavorativo, ci sono anche quelli della quotidianeità. La capacità di sapere prendere decisioni in fretta in presenza di un’emegenza o di una qualsiasi complicazione che la vita pone è sicuramente importante. Sappiamo bene che la vita non è rose e fiori, semmai è saper riconoscere quale parte della m€#d@ che stai per pestare puzzerà di meno. Onestamente vorrei dare a mio figlio la capacità di limitare i danni, soprattutto se poi me li porta in casa! 😀

  3. Rispondere meglio agli stimoli esterni (riconoscere meglio i suoni e voci).

    Quando all’età di 7 anni mia madre mi fece prendere lezioni private di inglese (sì sono abbastanza vecchia da dire che al tempo non si studiava inglese alle elementari, va bene?!) me ne sono innamorata. Vuoi che l’insegnante era fantastica e di una pazienza incredibile, vuoi perchè per me era come imparare una musica nuova, beh… Non vedevo l’ora di andare a lezione. Mi divertivo tantissimo e nutriva la naturale curiosità che provavo nel cercare di capire le parole delle canzoni che mi piacevano così tanto. E così per me è sempre stata come una musica. Con il suo ritmo, la sua cadenza e i suoi suoni strani e affascinanti. E ancora tutt’oggi, quando parlo inglese tutti i giorni, mi sembra quasi di “cantare”. Ma la risposta agli stimoli esterni va al di là della musicalità della lingua stessa. Si parla proprio di saper riconoscere meglio voci, suoni e automatizzare i meccanismi che si innescano di conseguenza.

  4. Processi attentivi e di concentrazione più sviluppati.

    Sempre legata al Problem Solving, c’è anche l’abilità di non lasciarsi distrarre da fattori esterni. Si sa che questa abilità si può allenare in tantissimi modi, ma uno dei vantaggi del bilinguismo è che avviene in modo collaterale. Così come succede anche quando si studia uno strumento musicale. La persona si concentra sul suono che vuole ottenere e prova e riprova finchè non riesce, senza rendersi conto che, in parallelo, sta anche migliorando la capacità di restare focalizzata per ore sull’obiettivo.

  5. Ritardo nello sviluppo di possibili malattie senili come demenza o Alzheimer.

    Quello che mi ha fatto cadere la mascella guardando questo episodio, è stato proprio apprendere che il bilinguismo porta ad un allenamento talmente intensivo a livello neuronale, che anche malattie come l’Alzheimer ritardano la loro devastante evoluzione di addirittura 5 o 6 anni. Questo non significa che il tuo bambino bilingue un giorno avrà l’Alzheimer. Ma solo che, se il caso sfortunato della vita vuole che accada, avrà più possibilità di combattere questo mostro più a lungo di un monolingue.

  6. Sviluppo della creatività.

    I bambini che comprendono che un unico oggetto ha molteplici nomi sviluppano la capacità del pensiero astratto. Il pensiero astratto in genere si presenta intorno ai 7 o 8 anni, ma nel bambino bilingue è già naturalmente presente nel loro modo di pensare. Per ogni cosa c’è una o più alternative. E questo ci riporta ancora una volta al Problem Solving.

  7. Sviluppo di tolleranza,rispetto e adattamento

    Almeno questa l’avevo istintivamente azzeccata, anche senza tutte le conoscenze scientifiche 🙂 Uno dei vantaggi del bilinguismo è che il bambino non impone la sua lingua agli altri, ma si apre invece al linguaggio usato da chi gli sta davanti e si adatta di conseguenza. E questo aspetto si evolve poi in tolleranza verso ogni altra forma di linguaggio o di differenza che il bambino troverà nelle altre persone. In una famiglia come la nostra e un mondo sempre più multi-culturale, è come mettergli in mano la lampada di Aladino.

  8. Facilità nell’apprendimento di altre lingue.

    Un altro dei vantaggi del bilinguismo è che, una volta imparata una lingua, si instaura nel cervello la capacità di riconoscere la logica che si cela dietro ad altre lingue, indipendentemente da quanto siano diverse tra di loro. Per questo motivo si sostiene che il passaggio più arduo stia nell’imparare la prima lingua straniera, piuttosto che aggiungerne altre alla lista. E’ facile quindi che un bilingue possa diventare un giorno trilingue o più di sua spontanea iniziativa.

Come instaurare un buon rapporto con il bilinguismo?

Chi mi conosce lo sa che cercare di donare tutti questi valori a mio figlio per me è molto importante. Ma non è così essenziale da diventare uno stress. Se anche tu, da mamma, stai cercando di dare a tuo figlio tutti questi vantaggi del bilinguismo, capirai perchè sono alla costante ricerca di nuovi e/o vecchi metodi e stimoli per invogliare mio figlio a mostrare interesse.

Chiaramente, quando si parla di bambini il modo migliore è attraverso il gioco. Ma quando si ha un obiettivo importante come questo, si tende a dimenticare il significato profondo della parola gioco. Giocare, dal punto di vista del bambino, non è solo smorfie e sorrisi. E’ anche sperimentare, incasinare, mischiare e mettere alla prova le regole. Per cui accanirsi ad insegnare con metodi rigidi aspettandosi che imparino le regole grammaticali, invece di lasciare che provino, sbaglino e si divertano a creare con la lingua quello che per loro suona meglio, può essere controproducente.

Un altro modo che facilita molto il percorso è quello visivo. Si penserebbe che con le lingue sia prima di tutto il suono, e invece anche l’immagine invoglia la comunicazione. Il bambino desidera poter dare un nome a quello che vede, in modo da poter esprimere alla mamma o al papà l’oggetto dei suoi desideri (cibo, acqua, palla, libro, ecc). Da qui nasce il suo bisogno primario di comunicare. Quando si parla di bambini bilingue il processo è lo stesso. Anzi, con l’uso di immagini si facilita l’apprendimento di un numero maggiore di vocaboli che non sono accessibili nella vita quotidiana. Per farti un esempio molto semplice, mi auguro vivamente che tu non abbia un coccodrillo o un leone in casa, ma non di meno il bambino imparerà questi vocaboli attraverso cartoni, libri o con giochi che sfruttano le carte tematiche.

Il bambino e la conoscenza dei vocaboli

Il bambino piccolo non dirà mai: “Mamma, per favore, potrei cortesemente avere un po’ di latte? Se la cosa non è di troppo disturbo eh?!” 😀 Piuttosto punterà il dito e dirà: “Mamma, latte!” Se sei già arrivata al “per favore” lo considerei una botta di… Bravura!! Brava tu che ci sei riuscita subito! 😉

E’ chiaro quindi che la prima cosa che apprende è la conoscenza di quanti più vocaboli perchè la vita gli diventi più facile. La cosa non è diversa quando si approccia al bilinguismo. Più modi conosce per esprimere quello che vuole/desidera in quel momento e più la la sua giornata volgerà a suo vantaggio.

I bambini inoltre amano poter dare più di un nome alle cose, l’hai notato? Sicuramente nel loro cervello si scatena la fantasia, esattamente come quando usano un suono per richiamare un determinato animale o oggetto. Quindi perchè non dargli uno stimolo visivo per innescare questo processo? Fra i vantaggi del bilinguismo abbiamo visto che si sviluppa una maggiore reattività, giusto? Perfetto, perchè alcuni giochi faranno proprio al caso! 🙂

Le carte tematiche sono per me un ottimo modo di proporre giochi che il nanerottolo apprezza e accetta volentieri. E stanno dando risultati meravigliosi! Ma anche con bambini più grandi le opzioni sono infinite.

Carte tematiche BILINGUE di Halloween

A questo scopo ho scritto giochi per insegnare l’italiano a tuo figlio (che si adatta sia a bambini bilingue che a bambini italiani nell’approccio delle prime parole) e imparare gli animali in italiano. Entrambi si basano sull’uso di carte tematiche come stimolo visivo per l’apprendimento. Sono un’appassionata delle carte tematiche (o flashcards) perchè danno molta più possibilità di gioco e interazione a differenza dei giocattoli elettronici, cartoni animati dove non c’è interazione o anche dei libri (che adoro, ma sono pur sempre limitati alla storia in questione. Anche se con una maggiore interazione). Ma con le flashcard le storie le inventate voi!!flaschard halloween italiano inglese

Oggi, visto che Halloween si avvicina e visto che parliamo dei vantaggi del bilinguismo, ho deciso di creare carte tematiche bilingue di Halloween. La grande festa è alle porte quindi perchè rinunciare all’opportunità di intrattenere i tuoi figli con giochi fantasiosi e divertenti? La loro naturale curiosità e creatività farà vivere loro questa festa in modo ancora più originale.

Leggi i miei articoli per avere un’idea di quali giochi si possano fare per tutte le età e compila il form qui sotto per accedere alla mia Libreria di Risorse Gratuite e scaricare le bellissime carte tematiche di Halloween. 

P.S.= se questo articolo ti è stato utile, non dimenticare di condividerlo! 🙂

Leggi anche:

Giochi per insegnare l’italiano a tuo figlio (con carte tematiche) – 12 mesi in su

Imparare gli animali in italiano con carte tematiche

Come crescere un figlio bilingue? Ecco alcuni semplici metodi

Halloween negli USA e la magia della Holiday Season

Guida per intagliare zucche di Halloween in 15 minuti

218 Condivisioni

2 Comments

  1. Ciao Isabella e ciao a tutte le mamas!
    Articoli sempre interessanti e raccontati con freschezza, grazie!
    Come sapete Isabella ed io siamo sulla stessa lunghezza d’onda specie per quanto riguarda il bilinguismo, ormai diventato il mio pane quotidiano.
    Vi segnalo un mio articolo molto meno allegro di quelli di Isabella, poiché si trattava di un articolo scientifico, che tratta proprio dei vantaggi cognitivi del bilinguismo. Lo trovate qui:
    https://www.academia.edu/21148561/I_vantaggi_cognitivi_del_bilinguismo_I_vantaggi_cognitivi_del_bilinguismo

    Buona giornata a tutte!!

    • Isabella

      Ciao Giovanna!! Grazie per il tuo commento e per il link! Vado subito a leggere e consiglio alle mie lettrici di fare altrettanto perché Giovanna sa meglio di me di cosa stiamo parlando 😊
      Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.